lunedì , Dicembre 6 2021

Tutto da rifare il processo sull’omicidio di Salvatore Prinzi, ucciso nell’ottobre del 2006 a Valguarnera

Luca Pittà
Tutto da rifare il processo sull’omicidio di Salvatore Prinzi, ucciso nell’ottobre del 2006 a Valguarnera. La Corte di Cassazione ha accolto la richiesta di revisione del processo, conclusosi nel 2016 con la condanna all’ergastolo di Luca Pittá, avanzata dagli avvocati Giovanni Salvaggio del Foro di Agrigento e Gaetano Giunta Foro di Catania. La sentenza è passata in giudicato ma adesso la Cassazione, con la revisione, ha disposto che per Pittà, oggi cinquantenne, sia celebrato un nuovo processo.
L’uomo, che era conosciuto per il carattere rissoso, era riverso sul bordo della strada in contrada Valdinoci, massacrato a bastonate e colpi di macete. L’autopsia rivelò che era stato finito a colpi di pistola. Pittà venne formalmente indagato per il delitto dopo l’arresto dello zio Giuseppe Ferrera, quest’ultimo condannato per il delitto in via definitiva a 30 anni già nel 2011.
Ferrera aveva contrasti con alcuni vicini, tra i quali proprio Pittà. Erano state le celle di aggancio dei cellulari a individuare la presenza di Ferrera in contrada Valdinoci in coincidenza con l’ora dell’omicidio. Per gli inquirenti, l’uomo era intervenuto per porre fine alle continue liti tra il nipote Luca Pittà e Prinzi Per i tre gradi del giudizio Pittà, che si è sempre professato innocente, era rimasto a piede libero ed era stato arrestato nel 2016, dopo la sentenza della Cassazione che ha confermato la decisione della corte d’Appello. (ANSA)

link news di riferimento:
Valguarnera. Ricorre in appello l’omicida di Salvatore Prinzi