mercoledì , Maggio 18 2022

Aidone. Comitato cittadino chiede Consiglio comunale ad adunanza aperta su problematica acqua

Aidone. Chiede la convocazione del consiglio comunale ad adunanza aperta con diritto di intervento, il Comitato cittadino, con nota, a firma del presidente Angelo Drago congiuntamente al suo vice, Eugenio Trovato, inviata al sindaco, al presidente del consiglio e ai consiglieri. Nella lunga e dettagliata richiesta, il Comitato stigmatizza il fatto che siano rimaste insolute diverse problematiche attinenti al problema acqua e sollecita che a queste vengano date al più presto risposte concrete. Il 17 marzo scorso il consesso aveva impegnato il sindaco ad attenzionare l’evolversi della problematica acqua (riduzione tariffe e miglioramento qualità dell’acqua). Il Comitato constata però che, dopo nove mesi, la tariffa è stata ridotta di un insignificante 1 per cento; che l’impegno preso dal presidente dell’Ati Antonino Cammarata, in seno all’assemblea Ati dell’8 giugno scorso, di una riduzione della tariffa acqua del 10%, è stata ad oggi disattesa; preoccupa inoltre il fatto che vi sia un aumento della tariffa del 7,3%, per il 2022, e del 16,4%, per il 2023, rispetto alla tariffa di riferimento del 2019. Senza considerare che a partire dal primo gennaio prossimo, entrerà in vigore la delibera Arera 665/17 che impone la fatturazione per componente familiare, e vista l’attuale articolazione tariffaria fortemente sperequativa e squilibrata, produrrà come effetto aumenti fino al 30% c. nelle fasce di utenza di uno/due componenti. Gli aumenti scaturiti dall’articolazione tariffaria elaborata a partire dal 1^ gennaio 2018 rispetto all’articolazione tariffaria in vigore fino al 31 dicembre 2017, non sono dovuti; non si dispone ad oggi di una relazione tecnica analitica della dislocazione delle perdite sulla rete, che, da sole, incidono il 30% circa sul costo delle bollette a carico dei cittadini; la qualità dell’acqua erogata sulla rete del comune di Aidone continua ad essere pessima. Il Comitato, nella seduta, chiederà che vengano anche esaminati: il programma di interventi per il quadriennio 2020/2023 e il Piano economico finanziario per tutto il periodo di riferimento. Auspica infine che alla seduta venga invitato il presidente dell’Ati.
Angela Rita Palermo