venerdì , Maggio 20 2022

Enna. Si ritorna a scuola in presenza. Annullata dal TAR l’ordinanza del Sindaco Dipietro

Enna. Si ritorna a scuola in presenza.
Annullata dal TAR l’ordinanza del Sindaco
di Massimo Greco


Tanto tuonò che piovve, anche a Enna è arrivata la scure della giustizia amministrativa a ripristinare le regole del gioco tra i poteri del policentrismo statale. Il Tribunale amministrativo regionale di Catania, con proprio decreto camerale, ha sospeso l’ordinanza sindacale n. 1/2022 con la quale il Sindaco di Enna aveva disposto la deroga alla didattica in presenza fino al 19 gennaio. A fare ricorso non è stato il Ministero come accaduto per la città di Siracusa, né le associazioni dei genitori, come accaduto per Palermo, Agrigento e Messina, ma l’Università Kore di Enna, diffidata dal Comune di Enna ad ottemperare alla citata ordinanza sindacale. E’ triste dover attendere l’intervento della giustizia per vedere applicata correttamente la normativa statale, l’unica che in materia emergenziale può disporre restrizioni e limiti in ambito scolastico. Ma il rammarico maggiore deriva dal fatto che da una settimana, e precisamente da quando abbiamo pubblicato l’articolo “Non basta la zona arancione per andare in DAD”, cerchiamo di indurre i Sindaci, compreso quello di Enna, a revocare in autotutela tali atti perché in palese violazione della legge. Non ci siamo riusciti, neanche profilando l’interruzione di pubblico servizio e il danno erariale per il pagamento delle spese legali in caso di soccombenza. Ancora una volta il potere giudiziario supplisce a quello politico e questo la dice lunga sul livello attuale della “politica” e dei “politici” che regnano questa congiuntura storica. Non era certo questo il federalismo che volevamo dove Stato, Regioni ed enti locali, troppo presto equiparati dall’ardita riforma del titolo V° della Costituzione, alle intese istituzionali fondate sul principio di leale cooperazione preferiscono le schermaglie giudiziarie. La pandemia ha esasperato al massimo livello questa triste tendenza e ciò che è accaduto in questi giorni in ambito scolastico ne è la dimostrazione. Domani si ritorna a scuola non per volontà del Sindaco della città, come tutti avremmo sperato, ma per volontà di un Tribunale!!!



Giustificazione del Sindaco di Enna:
“Credo sia opportuno evidenziare che abbiamo adottato l’ordinanza facendo riferimento all’ordinanza del presidente della Regione il quale autorizzava i sindaci in zone rosse e arancioni a emettere ordinanze ove vi fossero particolari ragioni di pericolo. Val la pena di ricordare, infatti, che Enna è stata ed è tutt’ora oggetto di contagi in una misura particolarmente elevata, tanto che l’Asp aveva addirittura richiesto la proclamazione della zona rossa. Abbiamo, poi, chiesto alla stessa Asp il parere di competenza, al fine di sospendere le lezioni in presenza e abbiamo ricevuto parere favorevole. Quindi non solo riteniamo di aver rispettato tutti i presupposti di legge, ma resto convinto che il bene primario da tutelare sopra ogni altro rimanga quello della salute. Ciò non toglie che rispetteremo il decreto cautelare del giudice amministrativo”.