giovedì , Febbraio 25 2021

Piazza Armerina. Sgradita sorpresa per i fedeli al primo giorno di novena

Piazza Armerina. Sabato sera all’uscita dalla basilica cattedrale sgradita sorpresa per molti dei fedeli che si erano recati a rendere omaggio alla patrona.
Come da tradizione, anche quest’anno, ha avuto inizio la novena dedicata a Maria Santissima delle Vittorie, patrona della città e della diocesi di Piazza Armerina.
L’icona raffigurante il glorioso vessillo, venerdì scorso, è stata deposta dalla sommità dell’altare principale della basilica cattedrale sul piano del presbiterio per ricevere l’omaggio dei piazzesi. Il giorno successivo, sabato 7 agosto alle 19, ha avuto inizio la tradizionale novena, che fino al pomeriggio del 14 agosto, con la celebrazione eucaristica, dedicata ogni sera a differenti tematiche sociali, vede la partecipazione di tutti i fedeli impegnando, in particolare, le diverse realtà sociali presenti in città: la prima sera a rendere omaggio sono state tutte le forze dell’ordine presenti sul territorio.
Proprio alla fine della partecipata cerimonia, che ha visto la presenza dei vari corpi di polizia accompagnati dai loro massimi rappresentati istituzionali, molti fedeli hanno ritrovato, sul parabrezza delle loro auto parcheggiate negli spazi attorno al duomo, le multe per non avere pagato il ticket alla ditta appaltatrice delle tanto famigerate “strisce blu”.
“Quando siamo usciti dalla novena, siamo rimasti a bocca aperta, –dicono alcuni dei fedeli, radunati attorno al sagrato della cattedrale- non è giusto compiere queste discriminazioni, anche le auto delle forze dell’ordine, infatti, occupavano le aree delle strisce blu, e non per motivi di servizio ma perché come noi si trovavano in cattedrale per rendere omaggio alla patrona. Già lo scorso anno, il sindaco e l’assessore alla viabilità, avevano assicurato, che durante le celebrazioni in onore della patrona, non sarebbero state multate le auto senza ticket ed invece gli zelanti ausiliari del traffico hanno ritenuto di dover, a parere nostro ingiustamente, procedere a multarci”.
“In tutti i principali luoghi di culto -aggiunge un giovane- nel resto d’Italia gli spazi attorno al sagrato non sono delimitati da strisce blu. Così si impedisce a chi non è in buona salute e alle persone più anziane, di poter rendere un saluto a Maria Santissima delle Vittorie, meno male che la quindicina viene celebrata alle sei del mattino, e il servizio ticket inizia alle 08.30, altrimenti l’altissimo numero di macchine di fedeli che partecipano, accompagnando inoltre tante persone anziane e malate, sarebbero sistematicamente multate tutte le mattine”.
“Oltretutto le colonnine per usufruire del servizio ticket non sono presenti nelle immediate adiacenze e questo crea altri problemi logistici” aggiunge qualcun altro dal capannello.
Infine i fedeli lanciano un appello: “Chiediamo al sindaco, un provvedimento che consenta, in questi giorni di grande festa, di pregare la nostra patrona con serenità, ci appelliamo al rispetto per i luoghi di culto e per tutti coloro che sono impossibilitati a percorrere tanta strada a piedi per raggiungere la cattedrale”.

Marta Furnari