venerdì , Giugno 18 2021

Enna. Manca abbigliamento antinfortunistico fermi i lavoratori forestali

abbigliamento antinfortunisticoE’ fallita la prima chiamata dei lavoratori forestali,e questa volta non è stato perchè mancavano i fondi, ma perché ai lavoratori l’Azienda della Foresta non era nelle condizioni di poter assicurare l’abbigliamento antinfortunistico. Circa trecento lavoratori forestali ai quali è stato detto che la chiamata è rinviata a data da destinare in attesa di trovare i soldi per l’acquisto dell’abbigliamento infortunistico. Una situazione veramente paradossale segno evidente di una disorganizzazione totale a livello regionale. Una settimana, dunque, consumata senza niente e si è in attesa che arrivi questa benedetta chiamata al lavoro e interessa lavoratori stagionali appartenenti ai centocinquantunisti delle circoscrizioni di Enna, Piazza Armerina e Nicosia. Il paradosso è che la copertura economica per avviare questi persone al lavoro ci sono, bisogna andare a recuperare l’abbigliamento antinfortinistico. Quando tutto questo sarà possibile, in settimana si dovrebbe sapere qualcosa di concreto ed intanto i lavoratori forestali aspettano che arrivi questa benedetta chiamata, che significa avere la sicurezza del lavoro, anche se limitato nel tempo. Le ditte fornitrici dei dispositivi antinfurtinistici hanno comunicato che il materiale lo si deve pagare subito, ci sono da saldare le fatture del 2013 e la ditta non ha liquidità. Pagare subito ed allora l’abbigliamento potrebbe arrivare. Non è stata data una data precisa e lo conferma lo stesso dirigente provinciale dell’Azienda delle foreste Nunzio Caruso, il quale precisa che i mandati di pagamento per queste fatture sono già pronti e quindi sarebbe ormai questione di pochissimo tempo, forse tutto si potrebbe risolvere nel corso di questa settimana ed iniziare a lavorare entro l’inizio di maggio. Mancano notizie per l’avvio al lavoro dei circa 700 operatori del Servizio antincendio boschivo. La stagione calda sta per arrivare quindi è necessario che questi operatori si mettano al lavoro per cercare di proteggere i boschi del territorio di Enna e provincia.