lunedì , Settembre 27 2021

Regalbuto: in scena il primo festival internazionale di musica classica

massimiliano valentiDal 28 luglio al 12 agosto sarà in scena a Regalbuto il Festival Internazionale Piano Music, dedicato interamente alla musica classica. Il festival porterà musicisti di fama mondiale, provenienti da diverse nazioni, ad esibirsi sul palco del Cineteatro Urania, sotto la direzione artistica e la supervisione del pianista regalbutese Massimiliano Valenti. L’evento si svolgerà in concomitanza di una masterclass di pianoforte (a cura di Massimiliano Valenti) e una masterclass di violoncello (a cura di Jed Barahal, violoncellista americano di fama internazionale). Alla masterclass parteciperanno circa 15 allievi, a cui si aggiungeranno anche diversi studenti della Scuola Media di Regalbuto, che avranno l’occasione di frequentare i corsi di perfezionamento. Massimiliano Valenti, 39 anni, è un pianista regalbutese noto a livello internazionale che ha ricevuto molti premi importanti in giovane età e ha tenuto corsi di perfezionamento non solo in Italia, ma anche in Portogallo, Romania e USA. Durante le serate suoneranno gli artisti Alexander Yakovlev (Russia), Cristina Margotto (Brasile), Sorin e Adriana Dogariu (Romania), Matteo Ramon Arevalos (Italia), Jed Barahal (USA), Nayoung Kim (Corea del Sud), Mari Fujino (Giappone) e Evelina Vorontsova (Olanda). L’evento è parte del programma dell’Estate Regalbutese 2014 ed è patrocinato dal Comune di Regalbuto. “Il festival nasce dall’ambizione di creare un centro musicale e culturale all’interno del nostro territorio” – ci ha detto il direttore artistico Massimiliano Valenti – “Ho spesso occasione di tenere masterclass in giro per l’Europa ma ho avvertito l’esigenza di portare questa mia esperienza sul mio territorio. L’evento ha come obiettivo quello di promuovere i giovani talenti, stimolando soprattutto quelli che intendono scoprire più da vicino lo strumento, accompagnandoli progressivamente verso un percorso musicale a loro congeniale. Un altro obiettivo è quello di coinvolgere tutte quelle strutture capaci di offrire sostegno all’iniziativa: scuole medie ad indirizzo musicale, conservatori ed istituti musicali, al fine di creare una realtà solida che duri nel tempo”.

Maria Cristina Roccella


Riprendiamo e pubblichiamo dal quotidiano La Sicilia