giovedì , Febbraio 25 2021

“Vedo Sento Parlo, ricordo, perché l’omertà uccide”. Fiaccolata a Barrafranca in ricordo del piccolo Francesco Ferreri, con don Ciotti

Barrafranca. In questi giorni a Barrafranca si vanno realizzando diversi incontri ed iniziative in preparazione alla giornata in memoria del piccolo Francesco Ferreri, barbaramente trucidato a colpi di chiave inglese e poi gettato in una scarpata a pochi chilometri dal centro abitato la sera del 17 dicembre di 11 anni fa. Il ragazzino era uscito di casa per andare a vedere le tradizionali novene. Il caso, dopo un primo grado di giudizio che mise alla luce un giro di pedofilia e trovò dei colpevoli, si è concluso, in secondo grado, con l’assoluzione degli indagati. Pertanto, ad oggi non si conoscono ne il movente dell’efferato assassinio ne i colpevoli. Per questo, La Diocesi di Piazza Armerina, il Comune di Barrafranca, l’associazione Libera e tante altre associazioni locali stanno promuovendo un percorso di sensibilizzazione dal titolo “Vedo, Sento, Parlo, Ricordo…”. Al centro il tema dell’omertà, figlia di una cultura mafiosa ben radicata, capace di generare solo paura ed indifferenza. Il 17 dicembre 11° anniversario dell’uccisione di Francesco, a Barrafranca con la presenza anche di don Luigi Ciotti, presidente di Libera si terrà un incontro con la cittadinanza. La convention alle 15 nella chiesa san Francesco di piazza Umberto I, accanto al palazzo municipale. La lunga giornata comincerà alle 10,30 con una messa alla Matrice celebrata dal vescovo della diocesi di Piazza Armerina monsignor Rosario Gisana. Subito dopo recital di poesie, sempre nella chiesa Madre, a cura dei ragazzi della scuola media. Tema della manifestazione “Vedo Sento Parlo, Ricordo, Perché l’omertà uccide”. “Occorre uno scossone forte che arrivi a scardinare il muro di silenzio di chi sa e non vuole parlare, che infonda coraggio in chi ancora è schiavo della paura di dire la verità. Per i motivi sopra esposti è importante dare la massima valenza alla manifestazione”. È quanto si legge nel comunicato dell’amministrazione comunale di Barrafranca. dopo la conferenza dibattico con don Luigi Ciotti, fiaccolata dalla chiesa San Franmcesco fino alla casa del povero Francesco Ferreri in via Cinà, quartiere Poggio.

Gaetano Milino