lunedì , Gennaio 25 2021

Il calcio siciliano leggermente in salute

Enna. Un calcio siciliano, che rispetto allo scorso anno, evidenzia dei leggeri miglioramenti segno che, le società, nonostante la crisi economica che li attanaglia , stanno reagendo positivamente e si presentano ai nastri di partenza del nuovo anno agonistico in condizioni migliori.
Presso la sala congressi dell’Hotel Federico II si sono dati appuntamenti lo staff tecnico-organizzativo-amministrativo del Comitato regionale della Federcalcio, presieduto da Santino Lo Presti, ed i dieci delegati provinciali per fare un esame della situazione e programmare il nuovo anno agonistico dall’Eccellenza ai campionati giovanili, ai tornei che si svolgeranno nel corso della stagione. L’Assessorato regionale al turismo e sport potrebbe dare una mano a questa crescita, potenziando le somme destinate alla legge 8 da distribuire alla società dilettantistiche. Presente anche il vice presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Sandro Morgana, che nel suo intervento ha sottolineato il successo ottenuto con il ritorno del calcio femminile alla Lega Nazionale Dilettanti “Stiamo migliorando– ammette Santino Lo Presti- perché nel campionato di Eccellenza ci sarà un solo ripescaggio ,essendo già iscritte 31 squadre, anche se devono completare la documentazione. Nel campionato di promozione hanno confermato la loro iscrizione 63 squadra su 64 per cui ci saranno pochi ripescaggi ;si sono risolti i problemi che travagliavano Gattopardo e Mussomeli. Per quanto riguardo prima e seconda categoria aspettiamo la fine di agosto per sapere la situazione. Ci sono tante richieste di ripescaggi sia in prima che in seconda categoria, mentre per la terza categoria c’è qualche defezione”. In effetti i ripescaggi in seconda categoria, potrebbero essere molti , sta condizionando lo svolgimento dei campionati provinciali di terza categoria che in qualche provincia potrebbero scomparire . Santino Lo Presti fa presente che il calcio a 5 è in crescita, ci sono già 31 squadre per la serie C1 ed anche per la C2 il numero è soddisfacente anche per il settore femminile”. Sul commissariamento della delegazione di Ragusa di cui è commissario è lo stesso La Presti, unica in Sicilia, Lo Presti ha assicurato che la soluzione arriverà entro settembre, prima che inizi l’attività agonistica vera e propria.
Un capitolo a parte hanno meritato i campionati giovanili.Il Presidente ha sottolineato che bisogna istituzionalizzare i tornei sperimentali che si svolgono nell’ambiente scolastico . Maggiore partecipazione per i trofei “Brucato e Patti” che sono propedeutici al torneo delle Regioni , quindi in grado di aiutare i ragazzi a crescere tecnicamente. Molta attenzione da parte di tutti per i campionati giovanili, anche nella formazione dei gironi ,per quanto riguarda i campionati regionali e provinciali “Under 17”(ex allievi) ed “Under 15” (ex giovanissimi) ci vuole maggiore cura da parte delle delegazioni provinciali perché si tratta di campionati che richiamano le giovani leve.
Santino Lo Presti e Sandro Morgana hanno comunicato ai delegati provinciali che a settembre ci sarà un’altra riunione per programmare bene e con dati di fatto tutta quanta l’attività del calcio siciliano, che sta dando segnali di risveglio non solo dal punto di vista della quantità e della qualità.