sabato , Aprile 17 2021

La Orlando Pallamano Haenna batte il Messa e si porta al terzo posto

Enna. Un successo molto significativo quello ottenuto dalla Orlando Pallamano Haenna contro il Messana di Messina. Il risultato di 35 a 16 dice chiaramente la netta superiorità dei ragazzi di Luca Giummulè nei confronti dell’avversario ed infatti non c’è sta partita tranne nei primi quattro minuti quando le due squadre si sono trovare in parità 2-2 (al 5’), poi Serravalle e compagni hanno straripato e le manovre veloci e concrete dei gialloverdi hanno prevalso nei confronti di una squadra modesta in tutti gli aspetti. Sugli scudi anche per il gioco espresso è stato Daniel Serravalle, autore di 14 reti di ottima fattura e così ha portato il suo bottino personale a 55 reti realizzati in 5 partiti, media 11 reti a partita, che lo vedono capocannoniere del campionato. Ma non è stato solo Serravalle ad emergere ma quasi tutta la squadra tanto è vero che nel finale sostanzialmente in campo c’erano tutti i giovani dell’under 16 con particolare riguardo a Moreno Caruso che si sta inserendo molto bene nel gioco della squadra, autore di quattro reti così come Castronovo che nel finale, in contropiede ha fatto saltare la difesa messinese. Qualche errore di troppo c’è anche stato, specie in difesa tanto da consentire al Messana di realizzare 16 reti per lo più su azioni personali e questo non è consentito ad una squadra che si vuole portare ai primi posti della classifica e ne ha le possibilità soprattutto sul piano tecnico. Sabato prossimo la squadra ennese giocherà sul campo della Polisportiva Ragusa, avversario ostico, allenata da Lillo Gelo, potrebbe essere l’occasione per continuare a migliorare la classifica e possibilmente portarsi alle spalla del capolista Scicli. Nel confronto con il Messana Luca Giummulè, collaborato dai tecnici Mario Filiciotto e Andrea Bongiovanni, hanno schierato ben 16 giocatori e di questi sette sono fella formazione under 17, significando che la società vuole far crescere questi ragazzi e già qualcuno (Caruso, Pisano e Vasapollo) incominciano ad essere importanti nell’economia della squadra.