giovedì , Ottobre 21 2021

Licata. Padre e figlio, 62 e 32 anni, di Barrafranca picchiati selvaggiamente mentre pescavano a Marianello

Padre e figlio – di 62 e 32 anni, entrambi residenti a Barrafranca – sono finiti all’ospedale “San Giacomo d’Altopasso” dopo essere state aggrediti e selvaggiamente picchiati, mentre stavano pescando nei pressi della banchina di Marianello, da quattro persone. Quattro uomini che li hanno presi a calci e pugni, gettando le canne da pesca e gli oggetti personali dei due familiari in acqua. I quattro poi si sono dileguati a bordo di una Fiat Punto di coloro grigio. Ad intervenire al pronto soccorso dell’ospedale di Licata, dopo aver raccolto la segnalazione, sono stati i poliziotti del commissariato cittadino, che è coordinato dal vice questore Cesare Castelli. A padre e figlio, i medici dell’azienda ospedaliera, hanno riscontrato fratture e traumi guaribili rispettivamente in 30 e 7 giorni. Cosa abbia innescato quello che è stato un vero e proprio pestaggio, ieri, non appariva essere chiaro. Gli investigatori hanno mantenuto le bocche rigorosamente cucite sull’aggressione messa a segno nella giornata di domenica, mentre i due – padre e figlio appunto – erano intenti a pescare nei pressi banchina di Marianello. L’attività investigativa è naturalmente appena all’inizio e non è escluso che nelle prossime ore si possa anche arrivare ad una svolta, con l’identificazione se non tutti e quattro gli aggressori, almeno di qualcuno di loro. Gli agenti del commissariato di Licata stanno lavorando alacremente per raccogliere indizi ed elementi per appurare chi c’era dentro quella Fiat Punto grigia che è stata notata mentre si allontanava a gran gas dal luogo dell’aggressione.

by agrigentonotizie