martedì , Ottobre 4 2022

Gagliano C.to trasferimento della pediatra convenzionata: petizione della popolazione, raccolte 1500 firme

Gagliano. A seguito del trasferimento della pediatra convenzionata, Angela Pasqualetto, un rilevante numero di famiglie dovrà recarsi a Troina con la propria auto (di cui non tutti dispongono), con conseguente disagio per permessi di lavoro e lunghe file di attesa, non sottovalutando le condizioni meteorologiche di Troina, dove spesso in inverno ci sono frequenti nevicate. Per la comunità gaglianese la figura del pediatra (obbligatorio per i bambini da 0 a 6 anni, con proseguimento della crescita fino ai 14 anni) è fondamentale e non sostituibile con il medico di base.

Per questa ragione i cittadini Marco Francioni e Laura La Ferrera hanno organizzato una petizione, sottoscritta da Rosy Rusticano e Marika Delfanti, presentata al Sindaco e a tutta la sua Amministrazione per farsi portavoce presso la massima autorità sanitaria locale, affinché intervenga per assicurare nel Comune di Gagliano la presenza del medico pediatra e garantire l’imprescindibile diritto alla salute dei bambini. Con la petizione si chiede che nel Comune di Gagliano vengano garantite le visite ambulatoriali pediatriche, con apertura per almeno due fasce mattutine e una pomeridiana a settimana, e comunque con apertura il lunedì. In questi giorni sono state raccolte 1500 firme e molti cittadini spontaneamente si sono mossi in maniera attiva per dare un contributo personale per sostenere la causa. Ieri i firmatari della petizione si sono recati dal sindaco Salvatore Zappulla, alla presenza del vicesindaco Vincenzo Di Cataldo e dell’assessore Caterina Cocuzza, per esporre la problematica e questi ultimi si sono dimostrati disponibili nell’accogliere la richiesta. Il Sindaco si è messo in contatto con l’ASP per cercare di risolvere nel più breve tempo possibile la problematica. La causa è stata sostenuta anche dall’arciprete, Pietro Antonio Ruggiero, il quale chiede di essere sensibili e di non abbandonare i piccoli centri perché la Sanità non è un lusso e va garantita anche per chi non ha la possibilità economica di potersi pagare un pediatra privatamente. Gli organizzatori della petizione, Francioni e La Ferrera commentano: “E’ necessario garantire un’assistenza sanitaria anche sul nostro territorio, il quale ha già numerosi disagi. Invitiamo chi di competenza a prendere coscienza del problema, perchè i nostri figli non siano considerati bambini di serie B. Tutta la popolazione chiede di essere ascoltata”.

Foto da sinistra Marika Delfanti, Laura La Ferrera, Marco Francioni e Rosy Rusticano