mercoledì , Gennaio 20 2021

Valguarnera: funerali presso la Chiesa Madre della giovane coppia di sposini deceduti in Germania

Valguarnera. I funerali della giovane coppia di sposini Lucio Capuccio e Maria Spinello, periti tragicamente lo scorso 8 agosto in un incidente automobilistico in Germania, si svolgeranno giovedì alle ore 16 presso la Chiesa Madre. Invece domani martedì alle ore 20,30 da piazza col. Tuttobene, curata dagli amici, partirà una fiaccolata per onorare la memoria dei due giovani. Inoltre nella giornata dei funerali il sindaco Draià, che a nome dell’intera collettività ha espresso il cordoglio per la loro dipartita e disposto il lutto cittadino. Ancora sgomento in paese per questa tragica morte che ha sconvolto l’intera collettività. Ironia della sorte, i due ragazzi avevano il biglietto aereo pronto per passare il ferragosto a Valguarnera in famiglia. Il destino crudele non lo ha consentito, privati giovanissimi dell’affetto della famiglia e dei tanti amici. Per la famiglia un dolore atroce, lacerante, un vuoto incolmabile, che nessuno sarà mai in grado di lenire. Forse il tempo. Sia Lucio che Maria erano due giovani ben conosciuti e voluti bene. Lo scorso 19 dicembre, dopo anni di fidanzamento, avevano coronato il loro sogno d’amore convolando a nozze nella loro Valguarnera. Avrebbero voluto tanto costruirsi un futuro nel loro paese, vivere in mezzo agli affetti della famiglia, degli amici, ma non c’è stato nulla da fare, se non prepararsi le valigie, sulla scia di tanti altri giovani. La giovane coppia si trasferisce a Rahden in Germania. Ma i sogni, i desideri e le ambizioni di costruirsi un futuro felice lontani dalla loro terra, naufragano purtroppo nel giro di un attimo. Un attimo fatale! Un grave incidente automobilistico, nel cuore di una sera d’estate, stronca le loro giovani vite. Un impatto devastante con un grosso automezzo non ha lasciato loro scampo, probabilmente saranno morti sul colpo. Lucio aveva appena 30 anni, mentre Maria 27. Due angeli volati via in cielo.
Guarda il video:


Rino Caltagirone